Inizia il difficile e articolato processo di riavvio che si spera riporti la situazione alla normalità.

Impresa Duci è pronta per affrontare nel modo corretto la “fase due” di questa terribile emergenza coronavirus. Ad un mese esatto dallo stop totale delle attività sia di cantiere che amministrative, lunedì 13 Aprile, sulla base delle disposizioni governative dello scorso 1 Aprile, sono ripartite le attività sia in ufficio che nei due cantieri di Angolo Terme (BS) e della località Dezzo di Scalve (BG): il primo riguardante la realizzazione di una centrale idroelettrica ed il secondo relativo a degli interventi di manutenzione presso un’altra centrale idroelettrica.

L’autorizzazione al compimento di queste specifiche attività ha comportato un’attenzione ancora maggiore nell’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale, nel rispetto delle regole sulle distanze di sicurezza e della profilassi: lavaggio delle mani, pulizia degli spazi condivisi, delle cabine delle macchine operatrici e così via.

L’adozione delle norme di comportamento dettate dall’ISS ha quindi causato una “rivoluzione” nel modo di concepire il lavoro come lo si intendeva prima dell’emergenza Covid-19 creando non poche problematiche dal punto di vista organizzativo e logistico, tralasciando le considerazioni di carattere economico.

Le misure di sicurezza “straordinarie” abbracciano diversi aspetti dell’attività lavorativa, sia riguardanti prettamente la vita in cantiere sia al di fuori di esso. Per fare alcuni esempi, l’accesso in cantiere non è consentito a nessuna maestranza che durante la rilevazione (obbligatoria) della temperatura corporea, registri un valore superiore ai 37,5 °C, gli spostamenti avvengono su mezzi sanificati ogni giorno dai vari responsabili, con non più di due persone a bordo, dotate di mascherine, guanti e mantenendosi alla distanza di sicurezza di un metro.

Gli spazi condivisi in cantiere, inoltre, sono stati riorganizzati per limitare se non addirittura annullare la possibilità che si creino assembramenti di personale con la conseguente mancanza di rispetto della suddetta distanza di sicurezza.

Naturalmente l’impresa Duci, oltre a tutto quello che già si sta facendo per garantire l’incolumità dei suoi dipendenti, fornisce ai dipendenti dispositivi di protezione individuale anche in modalità integrativa.

Dunque non abbiamo davanti a noi un contesto facile però l’Impresa Duci e tutti i sui dipendenti sono preparati per questa situazione e saremo certamente pronti ad affrontare le sfide che nei mesi a venire sicuramente si presenteranno.

Nonostante tutto si procede con un cauto ottimismo nella speranza che presto o tardi ci lasceremo tutto questo alle spalle e con la consapevolezza che, come sempre, stiamo dando il massimo per fare tutto nel migliore modo possibile.